La dieta si fa contenendo le quantità non la qualità

Pasta e Patate

Cosa c'è di più semplice? Cosa c'è di più comune? Cosa c'è di più umile della Pasta e Patate?
Ma quante ricette ce ne sono in giro? 
Qui vi diamo la nostra. Cosa occorre? Ovviamente le patate, quali? Quelle buone, quelle che abbiamo già provato e che nella cottura si lasciano andare un pochino, che siano poco serie, non di quelle che se ne stanno sulle loro, che non si lasciano penetrare dal sugo, che non diano un po' di loro, smussando i loro spigoli, arrotondandosi e formando quella deliziosa cremina. Patate insomma che conosciamo bene ed abbiamo lungamente frequentato, non ci piacciono le sorprese. 


Mesi ideali per questo piatto: Tutto l'anno


Per quattro persone ne vogliamo mettere un sei o sette etti di Patate, forse un poco di più? Le sbucciamo per bene, togliamo eventuali imperfezioni, le tagliamo a pezzettoni irregolari, se ne "scappa" qualche pezzo più piccolo, ben venga, si disfarrà meglio e prima. Le lasciamo in acqua mentre affettiamo sottilmente una bella Cipolla Bianca possibilmente fresca, se siamo nella stagione giusta, cioè primavera o, al massimo, inizio estate. Questa cipolla la mettiamo in un tegame a bordo alto con un fondo d'Olio Extra Vergine d'Oliva, una gustosa alternativa può essere un minimo d'olio e due cucchiai di Strutto ed una puntina di Peperoncino, giusto un sentore. La cipolla deve aver appena cominciato a colorirsi quando aggiungeremo le patate ben scolate, le rimestiamo un pochino, dandogli una leggera soffrittura, quanto giusto si insaporiscano un po' e aggiungiamo un mezzo cucchiaio di Concentrato di Pomodoro "a' Cunserv" e meno di mezzo litro di Salsa di Pomodoro. Quale? Ora è troppo presto per quella di pomodori freschi, che sarebbe l'ideale, noi dovremo accontentarci, si fa per dire, di quella che abbiamo preparato la scorsa estate, in questa maniera, chi non ce l'ha deve ricorrere alla passata del supermercato, lo stesso vale per il concentrato, che facciamo in casa così. E' il momento di salare e di aggiungere del Basilico Fresco, se ce l'abbiamo già nel vaso, c'è anche nella nostra salsa e per tutto l'anno, quello fresco l'aggiungeremo verso la fine. Ovviamente salare opportunamente.
A seconda della consistenza che ci piace dare a questo piatto aggiungiamo più o meno acqua, è bene non sbagliare perché una eventuale correzione non si potrà fare se non a cottura ultimata, per evitare di bloccare, e per sempre, la cottura delle patate. Sicuramente quest'ultima acqua, aggiunta a cottura ultimata, non si sarà assolutamente insaporita. A mali estremi, estremi rimedi, per correzioni si deve ricorrere solo e soltanto ad acqua, o meglio brodo, in ebollizione, così che la cottura continui senza intoppi. Pena, ripeto, il blocco irreversibile della cottura delle patate.

 

Le patate saranno pronte quando la forchetta entrerà facilmente, ma sicuramente non sapremo resistere ad un assaggio, per essere proprio sicuri.
Intanto l'acqua della pasta è venuta a bollire, avremo già scelto e pesato circa due etti di Pasta. Quale? A noi piace innanzitutto di grano duro di alta qualità, grossa e rigata. Mezze maniche rigate n° 32 della Garofalo, o Penne ziti rigate n° 70 della stessa marca o ancora dei Fusilli n° 63, ecc...
Buttare la pasta, salare, rimestare e scolare a cottura molto al dente per poter dare un ultimo bollito insieme alle patate, far riposare due minuti e servire con una bella spolverata di Parmigiano o Grana misto a Pecorino Canestrato Pugliese, grattugiati al momento con una grattugia tradizionale, che sgrani e non tagliuzzi.
Una aggiustatina d'Olio Santo noi non ce la facciamo mancare, dopo averlo preparato così.

Giornalmente pubblichiamo ricette ed altro, che deriva da questo blog nella nostra pagina Facebook omonima, seguiteci cliccando qui e dateci il vostro "Mi Piace" 
Questo blog non rappresenta ad alcun titolo una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.Il blog declina ogni resposabilità nel caso in cui la gratuità dei siti consigliati venisse meno.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07 marzo 2001.Alcune immagini e articoli presenti in questo blog sono state ottenute via Internet e come tali ritenute di pubblico dominio: di conseguenza, sono state usate senza nessuna intenzione di infrangere copyright.


Tutti i diritti relativi a fotografie, testi e immagini presenti su questo blog sono di nostra esclusiva proprietà, come da copyright inserito e non è autorizzato l'utilizzo di alcuna foto o testo in siti o in spazi non espressamente autorizzati da noi